29 Giugno Giornata Mondiale della Sclerosi Sistemica

Associazione Nazionale di Pazienti e Famigliari,
Volontariato e Solidarietà Famigliare.

La Sclerosi Sistemica in infanzia

La Sclerosi Sistemica in infanzia

Nell'ambito dell'attività divulgativa che la Lega Italiana Sclerosi Sistemica Onlus si propone,  l'Associazione ha ritenuto dover colmare quel vuoto che é evidente quando si affronta l'argomento della Sclerosi Sistemica in età pediatrica. Per fornire ai genitori informazioni dettagliate rispetto ai centri di cura, é stata creata una sezione dedicata dove é possibile consultare l'elenco dei Centri di cura pediatrici

Ringraziamo tutti i medici specialisti che hanno coadiuvato il lavoro ed hanno fornito i testi scientifici favorendo l'attività divulgativa.

Lega Italiana Sclerosi Sistemica Onlus – 7  febbraio 2012

La sclerosi sistemica (SSc) è una malattia multisistemica caratterizzata da infiammazione, anormalità vascolari, e fibrosi che colpisce la pelle e vari organi interni (1).  Circa il 10% di tutti gli adulti con sclerosi segnalano l'insorgenza della malattia durante l'infanzia, con un'età media di insorgenza a 8 anni (2).  Segni e sintomi del coinvolgimento degli organi di solito si evolvono nel corso degli anni. Pertanto è fondamentale identificare questi pazienti allo stadio iniziale.  Tranne che per una raccolta di casi (3), ci sono pochi studi pubblicati su bambini con SSc e disturbi correlati.  Per questo motivo, le caratteristiche cliniche e sierologiche di SSc nei bambini non sono ancora ben note, soprattutto al momento della comparsa della malattia.

Uno studio sulla Sclerosi Sistemica in Infanzia è stato condotto dal un gruppo di lavoro della Società Europea di Reumatologia Pediatrica. Lo studio,  al quale hanno preso parte i maggiori specialisti europei;  Giorgia  Martini,  Ivan Foeldvari,  Ricardo  Russo,  Ruben  Cuttica,  Anne Eberhard, Angelo Ravelli,   Thomas  J. A. Lehman,  Sheila Knupp  Feitosa  de Oliveira,  Gordana Susic, Galina  Lyskina,   Dana  Nemcova,  Robert Sundel,  Fernanda Falcini,  Herman Girschick, Ana Paula  Lotito,   Antonella Buoncompagni,  Flavio Sztajnbok, Sulaiman M. Al-Mayouf, Ilonka Orb`an,  Clodoveo Ferri,  Balu H. Athreya,  Patricia  Woo, Francesco  Zulian, è stato condotto tra gennaio 2002 e giugno 2003.

Dei 270 centri che erano stati contattati, 138 (51%) hanno risposto. 83 di questi centri non avevano  pazienti con SSc da includere nel database. 55 centri (32 europei, 8 del Nord America, 11 sudamericani, e 4 asiatici ) hanno riportato 153 pazienti con sclerosi sistemica giovanile di cui 120 pazienti (78,4%) erano donne e 33 pazienti (21,5%) erano maschi. L'esordio della malattia avviene in un età media di 8.1 anni (range 0,4-15,6 anni), e il tempo medio tra il primo segno della malattia e la diagnosi è stato di 1,9 anni (medio 1 anno, gamma 0-12,2 anni). Il tempo medio di follow-up era di 3,9 anni (medio 2,5 anni, range 0,2-18,8 anni). Tra i pazienti studiati, il primo anno di diagnosi era il 1971, e l'ultima visita di follow-up avvenuta nel 2005. In 17 famiglie di pazienti almeno 1 parente di primo o di secondo grado (11,1%) avevano una malattia autoimmune. 5 pazienti avevano parenti di primo grado con una malattia autoimmune, 9 avevano parenti di secondo grado, e 3 pazienti hanno avuto entrambi parenti di primo e di secondo grado con una malattia autoimmune. 3 pazienti hanno avuto un parente con SSc, in 1 caso era  la madre e in 2 pazienti  il nonno. Le altre malattie riportate sono state reumatismi, artrite reumatoide in 10 casi,  lupus eritematoso sistemico (LES) in 2 casi, psoriasi in 3 casi, Sindrome di Sjögren (SS), morbo di Crohn, e trombocitopenia autoimmune in 1 caso ciascuno.

Questo studio rappresenta la più grande raccolta di dati su pazienti con sclerosi sistemica giovanile segnalato fino ad oggi. Le informazioni ottenute  sono cruciali per capire le caratteristiche di questa malattia, soprattutto all'esordio, per l'identificazione di fattori prognostici, e per il futuro sviluppo di diagnostici e criteri di classificazione.
Nella nostra popolazione in studio, come in precedenti studi su adulti e bambini(7-10), la sclerosi sistemica giovanile interessa soprattutto le femmine, rapporto di 3.6:1. Coerenti con i risultati di studi pubblicati in precedenza (3,7,8), l'età media di insorgenza era di 8,1 anni.
La storia familiare di malattie reumatiche autoimmuni  è stata riportata nel 11% dei pazienti con sclerosi sistemica giovanile, in linea con recenti scoperte in bambini affetti da sclerodermia localizzata (11).

In particolare, 3 pazienti con sclerosi sistemica giovanile (2,0%) hanno avuto un parente con la stessa malattia. Nella serie degli adulti sono stati segnalati  casi di sclerosi che si verificano in 1 membro della stessa famiglia (12). In 2 studi di popolazione, negli Stati Uniti e Australia, non erano frequenti più casi di SSc in una famiglia (1,6% e 1,7% rispettivamente), ma la familiarità è stata dimostrata più frequentemente di quanto previsto in una malattia rara (13,14). Entro i limiti di uno studio retrospettivo, dovrebbe essere considerato il significato di una storia familiare positiva a patologie autoimmuni in 1 dei 10 pazienti con sclerosi sistemica giovanile. Questo potrebbe supportare l'ipotesi che  i fattori genetici ereditati  giocano un ruolo nella suscettibilità alle malattie autoimmuni, anche se la scarsa concordanza nei gemelli suggerisce un ruolo minore per fattori genetici o di un tratto complesso che coinvolge molti geni (15).

L'importanza dell’anormalità ungueale alla capillaroscopia è confermata dai nostri dati, e confermano i risultati di studi precedenti che indicano l’utilità di questo esame sia nella diagnosi sia nel follow-up di malattie del tessuto connettivo come la sclerodermia (16,18) Il Fenomeno di Raynaud  è il primo sintomo della malattia nel 70% dei pazienti e, in alcuni casi, precede di anni le  altre manifestazioni  (16).  Anche nella nostra popolazione giovanile in SSc, questo sintomo  colpisce quasi l'84% dei pazienti in questo studio. E 'stato scoperto che in un numero significativo di pazienti con sclerosi sistemica ad esordio infantile, la diagnosi è confermata sia durante l'adolescenza o nei giovani adulti (20), ed è possibile che il sottoinsieme limitato potrebbe essere sotto diagnosticato nei bambini più piccoli a causa della mancanza di un quadro clinico completo.

Al momento della diagnosi i bambini hanno mostrato un coinvolgimento meno frequente  degli organi ad eccezione della prevalenza di artrite e la gravità del fenomeno di Raynaud , come dimostrato da ischemie digitali. Durante il corso complessivo della malattia, i bambini hanno mostrato segni di coinvolgimento polmonare interstiziale con minor frequenza rispetto agli adulti. Per il coinvolgimento degli altri organi interni, vi è similitudine tra pazienti adulti e pediatrici, con l'eccezione della dismotilità gastro-esofagea (che è stata riportata nel 25% dei nostri pazienti e nel 50-80% degli adulti con SSc cutanea diffusa). In un recente studio (20), l’ infiammazione muscolare è stata osservata in oltre il 38% dei bambini con SSc ed è stata una caratteristica distintiva rispetto agli adulti SSc. Questi risultati, tuttavia, potrebbe essere influenzati dal fatto che la popolazione esaminata in quello studio ha incluso pazienti con sindromi di sovrapposizione, che hanno più frequentemente  il coinvolgimento muscolare.  Altre differenze rispetto agli adulti (5) possono essere  la prevalenza di artrite, che è leggermente più comune nei bambini, Fenomeno di Raynaud e la sclerosi della pelle, che sono un po’ meno frequenti nei bambini. E 'interessante notare che nella nostra popolazione la prevalenza di crisi renale è stata molto bassa nonostante l'uso relativamente frequente di corticosteroidi, che sono noti per essere associati ad un aumentato rischio di questa complicanza. Per quanto riguarda le caratteristiche immunologiche, gli adulti con sclerosi sistemica sembrano avere una prevalenza significativamente più alta di positività  ANA e ACA rispetto ai bambini. Nessuna differenza significativa tra le forme adulte e giovanili è stata riscontrata nella frequenza di Scl-70, RF, e ACA.

In conclusione, la sclerosi sistemica giovanile sembra essere meno grave rispetto alla forma adulta. I bambini hanno meno coinvolgimento degli organi interni, minori autoanticorpi specifici, e un miglior risultato a lungo termine. Questo studio fornisce informazioni attendibili sul modello di coinvolgimento degli organi e l'esito nei pazienti con sclerosi sistemica giovanile, e rappresenta un punto di partenza per lo sviluppo di una più completa e specifica classificazione pediatrica.

Bibliografia:
1. Black CM, Stephens SC. Systemic sclerosis  (scleroderma) and related disorders.  In: Maddison  PJ,  Isenberg  DA,  Woo  P, Glass DN,  editors.  Oxford textbook  of rheumatology. Oxford:  Oxford University Press; 1993. p. 771–89.
2.  Zulian  F. Scleroderma in children.  Pediatr  Clin N  Am  2005;52:521– 45.
3.  Foeldvari  I,  Zhavania   M,  Birdi  N,  Cuttica  RJ,  de  Oliveira  SK, Dent  PB, et al. Favourable outcome  in 135 children  with juvenile systemic sclerosis: results of a multi-national survey. Rheumatol- ogy (Oxford) 2000;39:556–9.
5.  Della Rossa A, Valentini  G, Bombardieri S, Bencivelli W, Silman AJ,  D’Angelo  S,  et  al.  European  multicentre study  to  define disease  activity  criteria   for  systemic  sclerosis.  I.  Clinical  and epidemiological features   of  290  patients   from  19  centres.  Ann Rheum  Dis 2001;60:585–91.
7.  Suarez-Almazor ME, Catoggio LJ, Maldonado-Cocco JA, Cuttica R, Garcia-Morteo O. Juvenile progressive systemic sclerosis: clin- ical and serologic findings. Arthritis  Rheum 1985;28:699–702.
8.  Lababidi  HM, Nasr FW, Khatib  Z. Juvenile progressive  systemic sclerosis: report  of five cases. J Rheumatol 1991;18:885–8.
10.  Roberts-Thomson PJ,  Jones  M,  Hakendorf  P,  Kencana   Dhar- mapatni  AA, Walker  JG,  MacFarlane JG,  et  al. Scleroderma in South  Australia:  epidemiological observations of possible  patho- genic significance. Intern  Med J 2001;31:220–9.
11.  Zulian F, Athreya B, Laxer R, Nelson AM, Feitosa de Oliveira SK, Punaro   MG,  et  al.  Juvenile  localized scleroderma:  clinical  and epidemiological features  in 750 children.  An international study. Rheumatology (Oxford)  2006;45:614–20.
12.  Johnson   RW,  Tew  MB,  Arnett   FC.  The  genetics  of  systemic sclerosis [review]. Curr Rheumatol Rep 2002;4:99–107.
13.  Arnett  FC, Cho M, Chatterjee S, Aguilar MB, Reveille JD, Mayes MD.  Familial  occurrence  frequencies  and  relative  risks for  sys- temic  sclerosis (scleroderma)  in  three   United   States  cohorts. Arthritis  Rheum  2001;44:1359–62.
14.  Englert H, Small-McMahon J, Chambers  P, O’Connor H, Davis K, Manolios  N, et  al. Familial  risk estimation  in systemic sclerosis. Aust N Z J Med 1999;29:36– 41.
15. Feghali-Bostwick C, Medsger TA Jr, Wright TM.  Analysis  of systemic sclerosis in twins reveals low concordance for disease and high  concordance  for  the  presence   of  antinuclear  antibodies. Arthritis Rheum  2003;48:1956–63.
16.  Duffy CM,  Laxer  RM,  Lee  P, Ramsay  C, Fritzler  M, Silverman ED.  Raynaud  syndrome  in childhood.  J Pediatr 1989;114:73–8.
18.  Spencer-Green G, Schlesinger M, Bove KE, Levinson JE, Schaller JG, Hanson  V, et al. Nailfold capillary abnormalities in childhood rheumatic diseases. J Pediatr  1983;102:341–6.
20.  Scalapino  K,  Arkachaisri   T,  Lucas  M,  Fertig  N,  Helfrich  DJ, Londino  AV Jr, et al. Childhood  onset systemic sclerosis: classifi- cation, clinical and serologic features,  and survival in comparison  with adult onset disease. J Rheumatol 2006;33:1004–13.

FONTE:  ARTHRITIS & RHEUMATISM  Vol.  54, No. 12, December 2006, pp 3971–3978

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.