29 Giugno Giornata Mondiale della Sclerosi Sistemica

Associazione Nazionale di Pazienti e Famigliari,
Volontariato e Solidarietà Famigliare.

Sclerodermia sistemica e tumore, quale relazione?

 

La patogenesi del disordine autoimmune potrebbe allo stesso tempo prevenire la comparsa di forme tumorali nei pazienti a rischio. Svelato il possibile meccanismo protettivo. Gli eventi cellulari che aprono la strada al disordine autoimmune potrebbero, allo stesso tempo, costituire un meccanismo protettivo contro lo sviluppo di forme tumorali.

 

È questa la preliminare spiegazione tracciata dai ricercatori della John Hopkins School of Medicice di Baltimora, e che tuttavia richiede una conferma sperimentale, con la quale si potrebbe tracciare una relazione patogenetica e contemporaneamente preventiva tra la sclerodermia sistemica, una malattia autoimmune che si suppone derivi dalla reattività del sistema immunitario verso alcune molecole endogene in seguito all’esposizione ad antigeni esterni strutturalmente simili, e differenti forme di tumore, in cui la proliferazione delle cellule cancerose evadono la sorveglianza del sistema immunitario stesso.La sclerodermia è infatti una condizione in cui i pazienti producono anticorpi diretti verso alcune molecole presenti nel proprio tessuto connettivo, tra queste l’antigene RPC1 codificato dal gene POLR3A.

Una caratteristica peculiare di questi pazienti è l’elevata suscettibilità allo sviluppo di tumori. Tuttavia, la recente ipotesi vuole che i cosiddetti antigeni esterni responsabili dell’incipit della malattia siano codificati da alcuni geni mutati presenti nelle cellule cancerose che danno origine alla malattia.

L’idea, confermata parzialmente dallo studio delle cellule immunitarie periferiche a dai profili anticorpali sierici, è infatti che le mutazioni del gene POLR3A siano responsabili di avviare la risposta immunitaria fisiologica cellulo-mediata verso i tumori nascenti ma anche la risposta patologica anticorpale a danno dei tessuti dell’organismo cross-reattivi.

Questi risultati forniscono dunque una nuova visione dei meccanismi patogenetici della sclerodermia e sottolineano l’importanza del ruolo dell’immunità acquisita nel controllare l’insorgenza spontanea dei tumori in questi pazienti ad elevato rischio.

 

Fonte:Joseph CG, Darrah E, Shah AA et al. Association of the Autoimmune Disease Scleroderma with an Immunologic Response to Cancer. Science. 2013 Dec 5

Pubblicazione venerdì 10 gennaio 2014 – www.Capillaroscopia.it

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.