ALLENARE IL PAVIMENTO PELVICO

Il pavimento pelvico è una zona strategica del corpo femminile. Un insieme di muscoli che vanno tenuti in allenamento in ogni fase della vita. La zona pelvica può infatti modificarsi sia a causa del naturale processo di invecchiamento sia in consegnuenza di eventi come parti o l’insorgenza della menopausa, creando disturbi a volta minimi, a volte invalidanti. Questa zona è sempre sollecitata non solo quando ci muoviamo ma anche durante la minzione, l’atto sessuale, quando evacuiamo e non da ultimo anche quando respiriamo. Quando per vari motivi il suo equilibrio si modifica si creano dei disturbi più o meno gravi che devono essere corretti precocemente e nel modo giusto. Spesso quando sentiamo parlare di patologie come prolassi, incontinenza urinaria, gas, fecale o dolore durante i rapporti, vulvodinia (bruciore, irritazione, gonfiore e arrossamento della vulva), vaginismo (disturbo sessuale che consiste nello spasmo involontario della muscolatura vaginale), tutti problemi che possono essere legati a disfunzione del pavimento pelvico, l’errore è correre subito ai ripari cercando in internet per fare autodiagnosi e talvolta anche autotrattamento. Il pavimento pelvico è un insieme di strati di legamenti e muscoli posti alla base della cavità addominale pelvica. Questi muscoli svolgono un ruolo importante per garantire la continenza urinaria e fecale e contribuiscono a rendere la sessualità sodisfacente. Questa zona è anche punto di sensazioni ed emozioni profonde. Per rieducare il pavimento pelvico è importante attivarne i muscoli, per tonificarli o per rilassarli come ad esempio, svuotare completamente la vescica per evitare frequenti infezioni alle vie urinarie. Il compito del terapista è di rimetterli in una condizione di equilibrio e di normotono effettuando dapprima un lavoro di propriocezione e presa di coscienza, successivamente un trattamento manuale biofeedback con utilizzo di sonde per registrare l’attività muscolare, elettrostimolazione, talvolta tens. Tra i trattamenti che si sono rivelati più efficaci ci sono gli esercizi di Kegel dal nome del ginecologo che li ha inventati. E’ inutile aspettare sperando che il problema si rivolva da solo, rivolgendosi ad uno specialista qualificato che tratta i disturbi pelvici, si potrà trattare il problema per una remissione precoce.

Dott.ssa Monica Vitali – Ostetrica riabilitatrice, consulente sessuale, formazione  osteopatica  per SaluteDonna 

Share This

COMMENTS

Wordpress (0)