PERCHÉ I GATTI MANGIANO L’ERBA?

La risposta arriva da uno studio scientifico.  Chiunque abbia un gatto lo sa: Micio ha un problema con l’erba. Fino a oggi si credeva che questo comportamento fosse volontario, e venisse messo in atto per questioni di salute, ma una ricerca presentata all’inizio di agosto al convegno annuale dell’International Society for Applied Ethology, getta nuova luce sulle vere ragioni della passione sfrenata dei gatti per le piante.  Gli esperti sono d’accordo: per quanto possa sembrare inspiegabile, c’è una ragione dietro l’abitudine felina di mordicchiare le foglie. Si è sempre pensato, però, che inghiottire erba fosse un metodo terapeutico che l’animale utilizza scientemente quando è malato: obbligandosi a mangiare vegetali si “forza” anche a vomitare.  La realtà è però differente: come si legge nello studio, che ha analizzato un campione di oltre 1.000 gatti e ha scoperto che l’abitudine è comune a più del 70% di questi animali, il vero obettivo del pasto vegetale non è vomitare ma, più banalmente mangiare l’erba; il vomito sarebbe solo un effetto collaterale, tanto è vero che solo il 25% degli esemplari studiati ha effettivamente rimesso lo spuntino. Quindi sembrerebbe che i gatti mangino l’erba perchè sono abituati a farlo da tempo immemore. La ragione biologica dietro al mangiare erba, infatti, sarebbe la stessa che spinge per esempio gli scimpanzé a farlo: la materia vegetale attiva l’apparato digerente e ne aumenta l’attività muscolare, e questi continui movimenti facilitano l’espulsione dei parassiti intestinali. Parassiti che, secondo i ricercatori, sono oggi assenti nei gatti domestici, che però conservano il “ricordo” di questa strategia inventata da un loro antenato, e continuano ad applicarla, anche se all’atto pratico non serve più a nulla.

Fonte: Focus

Share This

COMMENTS

Wordpress (0)