Sole e Sclerosi sistemica

Chi convive con sclerosi sistemica sicuramente trae giovamento dalla stagione estiva e dall’aumento delle temperature che diminuiscono gli attacchi di fenomeno di Raynaud, ma è importante prestare comunque attenzione ai raggi solari, all’altitudine e alle alte temperature.

Le radiazione ultraviolette però hanno diversi effetti dannosi sulla cute. Possono infatti aggravare la malattia e interferire con l’utilizzo di specifici medicinali utilizzati nella terapia. È fondamentale quindi prevenire al massimo questi danni ed evitare l’esposizione diretta al sole.

I cambi di temperatura invece mettono a dura prova i sistemi di regolazione del tono vascolare; quindi, uno stimolo a vasodilatazione o vasocostrizione eccessiva può scatenare una riacutizzazione del fenomeno di Raynaud. Può succedere quindi di avere un attacco di fenomeno di Raynaud se, dopo essere stati al caldo ci si immerge in acqua, o se si va in montagna ad altitudini elevate.

Non dimentichiamo poi che la sclerosi porta ad un riassorbimento delle ghiandole sudoripare, che attraverso la produzione di sudore rivestono un ruolo importantissimo nella termoregolazione.  In sclerosi sistemica invece la pelle è secca e con una barriera cutanea alterata, condizione che rende la pelle più sensibile a qualsiasi agente esterno (cosmetici, creme, traumi) e pruriginosa. L’idratazione quotidiana con emollienti adatti aiuta a prevenire dermatite e prurito.

Come proteggerci dal sole?

  • Applicare tutte le mattine una protezione solare SPF 50 su viso, collo, scollato, e dorso delle mani. La protezione solare deve essere applicata mezz’ora prima di esporsi al sole con la pelle asciutta, sotto l’eventuale camouflage. Ripetiamo questa operazione ogni due ore se effettuiamo qualsiasi tipo di attività all’aperto
  • Evitare poi l’esposizione solare nelle ore centrali del giorno (10-16)
  • Utilizzare i cappelli a tesa larga e gli occhiali da sole
  • Utilizzare indumenti a manica lunga, preferibilmente colorati
  • La cura della pelle, attraverso emollienti e protezione solare SPF 50 ha un ruolo fondamentale nel prevenire lo sviluppo di tumori cutanei, camuffare le telangectasie e discromie, e ridurre la sensazione di secchezza e di prurito.

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Lascia un commento

Post correlati

Canale Youtube

Seguici

Iscriviti alla Newsletter

Iscrizione Newsletter