23 ottobre: Una pedalata per ricordare Angelo Bruno

Angelo Bruno combatteva dal 2009 con la Sclerosi sistemica una malattia che, dopo anni di sofferenze, lo ha strappato agli affetti più cari a soli 38 anni. Lo ricordano la moglie Valentina e i due figli, ma mancherà a molti e in particolare ai suoi “tacchini”, i ragazzini in bicicletta che lo onoreranno in ogni allenamento e in ogni gara.

Il ciclismo è stata una costante nella vita di Bruno ed è per questo che ci piace ricordarlo con questa iniziativa, una gara ciclistica con molti professionisti, in onore della sua più grande passione. Il devoluto verrà donato alla Lega Italiana Sclerosi Sistemica, associazione che da anni si occupa di stare accanto alle persone affette da questa patologia.

Quando si è ammalato Angelo Bruno aveva solo 26 anni, il progredire veloce della malattia ha compromesso la sua capacità lavorativa oltre che la sua salute fino a quando la scorsa estate l’esito della tac ha evidenziato una complicanza della Sclerosi Sistemica che ha danneggiato i polmoni.

A luglio 2021, dopo giorni in cui faceva fatica a respirare e si sentiva più debole del solito, è stato ricoverato per una pleuropolmonite. I vari esami hanno riscontrato una neoplasia polmonare in stadio avanzato che è risultata fatale.

Angelo Bruno era conosciuto da tantissima gente per la sua bontà e la sua forza di volontà, il suo impegno nel seguire la società di ciclismo giovanile di bambini lo ha portato ad essere amato da tutti. Bruno era un’istituzione anche nel piccolo comune di Besano grazie alla sua carica di presidente della Polisportiva Besanese, società ciclistica che ogni anno “mette in sella” decine di giovanissimi.

«A lui devono essere riconoscenti decine e decine di ragazze e ragazzi che sono stati avviati al ciclismo, ma anche tante persone che, conoscendolo, ne hanno apprezzato le doti di ottimismo, ferrea volontà, forza d’animo e generosità: io sono tra loro» afferma il sindaco di Induno.

«Il presidente della Polisportiva Besanese non stava bene da tempo – sottolinea Leslie Muls – ma con passione e grande forza d’animo era sempre presente alle manifestazioni della Polisportiva, pronto a rincuorare i bambini ed i ragazzi che vestivano la maglia della Polisportiva, i suoi “tacchini” come li amava chiamare».

Insieme a tutti loro, il presidente e i volontari della Lega Italiana Sclerosi Sistemica si uniscono con gioia a questo importante evento commemorativo, certi che l’affetto e il ricordo di tanti contribuiranno a mantenere vivo il ricordo di Angelo Bruno.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Post correlati

Canale Youtube

Seguici

Iscriviti alla Newsletter