Covid 19, i farmaci carenti e la terapia domiciliare: le proposte

A partire da mercoledì 1° aprile  saranno discussi gli emendamenti presentati al Decreto “Cura Italia”. La Senatrice Binetti, ha presentato un emendamento relativo alla possibilità per il Ministero della Salute di concludere accordi con società private, tra cui le aziende farmaceutiche, per consentire ai pazienti di proseguire la somministrazione delle terapie presso il proprio domicilio.

L’emendamento presentato sarebbe una valida soluzione in questo momento di emergenza e verrebbe incontro alle legittime esigenze sia delle strutture sanitarie che devono limitare l’afflusso di persone che dei pazienti che vorrebbero evitare l’accesso in ospedale per timore del contagio.

Già oggi abbiamo notizia di strutture sanitarie che posticipano gli appuntamenti per la somministrazione delle terapie, o di pazienti che vi rinunciano per timore di essere contagiati in ospedale. Poter seguire le terapie a casa significherebbe salvaguardare il diritto alla salute e all’aderenza terapeutica e venire incontro anche alle esigenze di controllo e degli accessi ma anche di risparmio del Servizio Sanitario Nazionale.

E proprio riguardo le terapie accogliamo l’invito di OMAR Osservatorio Malattie Rare per segnalare le difficoltà che le persone affette da sclerosi sistemica stanno affrontando in questi giorni.

Inviateci le vostre segnalazioni in merito alla difficoltà di vedersi garantiti i farmaci.
Raccogliamo i dati rispetto alla malattia,
la terapia domiciliare che viene fatta  (farmaci carenti)
la terapia ospedaliera (se sospesa)
e le zone che stanno avendo maggiori problemi.

Scrivete a info@sclerosistemica.info per comunicarci le vostre indicazioni.

Lega Italiana Sclerosi  Sistemica – Ufficio Stampa – ufficiostampa@sclerosistemica.info

TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)