Dall’infezione alla sepsi

La sepsi è una rara complicazione di un’infezione, le cui conseguenze possono essere molto gravi e mortali. Consiste in una risposta infiammatoria eccessiva dell’organismo a un’infezione generalizzata che danneggia tessuti e organi compromettendone il funzionamento.

I primi sintomi sono febbre elevata o abbassamento della temperatura corporea, brividi, aumento del battito cardiaco e della frequenza respiratoria. La sepsi può portare a shock, insufficienza multiorgano e morte, soprattutto se non riconosciuta e trattata prontamente.

Nel mondo si verificano ogni anno circa 47-50 milioni di casi, l’80% dei quali avvengono al di fuori di un ospedale. Il 40% dei casi di sepsi sono bambini di età inferiore ai 5 anni. Globalmente, 1 decesso su 5 è associato a sepsi, e causa almeno 11 milioni di decessi l’anno. 

La maggior parte dei pazienti che sopravvivono alla sepsi si riprende completamente, mentre altri possono affrontare conseguenze a lungo termine. Il recupero per queste persone può richiedere mesi o anni. Gli effetti post-sepsi, spesso chiamati sindrome post-sepsi o sintomi post-sepsi, possono presentare conseguenze molto diverse, che a volte compaiono anche dopo anni. La letteratura scientifica dimostra infatti che gli effetti a lungo termine della sepsi si verificano fino al 50% dei sopravvissuti alla sepsi, che soffrono di sequele fisiche, cognitive e psicologiche persistenti.

Nel periodo pandemico attuale, esperti internazionali hanno evidenziato l’importanza di riconoscere che i pazienti critici con COVID-19 hanno sepsi virale. Infatti, i pazienti che sopravvivono ad altre forme di sepsi subiscono effetti negativi a lungo termine simili a quelli dei pazienti con “long-COVID” o “COVID a lungo termine”, sebbene non siano ugualmente ben riconosciuti.

E’ importante quindi mantenere viva l’attenzione su una malattia così diffusa per poterne diffondere l’informazione e stimolare la sensibilizzazione dell’opinione pubblica.

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Post correlati

Canale Youtube

Seguici

Iscriviti alla Newsletter